ANNA CIRIANI (MADAMEWEB) LA SEXYPROF” DI PORDENONE E IL DOCUMENTARIO INEDITO

FONTE: CORRIEREDELLASERA.IT DEL 28/10/2008

Venerdì sera, su cult, il documentario «Sesso, scuola e videotape»

«Non chiamatemi pornoprof:
il sesso è gioia di vita e libertà»

Anna Ciriani, dopo il video senza veli che le “costò” il posto, è tornata a insegnare. E adesso si racconta in tv

Anna Ciriani

 

 

 

MILANO – Guai a chiamarla pornoprof: «No, non mi sta bene per niente». Eppure è l’appellativo che l’ha resa celebre. «Perché sui giornali hanno scritto tante bugie sul mio conto». Tipo? «Io non sono una pornostar. E a scuola mi sono sempre comportata bene». Anna Ciriani, ora che è stata riammessa in classe, non rinuncia a quella che chiama la sua «battaglia di libertà». E, soprattutto, non rinnega nulla del passato: le «trasgressioni sessuali» con il marito, gli incontri piccanti che le hanno permesso di «conoscere persone nuove», quella passeggiata senza veli a una fiera erotica di Berlino che fece il giro della Rete scatenando un putiferio. «Tutto per quel video finito su Youtube» racconta Madameweb, come da tempo si fa chiamare su Internet. «In passato – ammette – ero sempre riuscita a far rimuovere le immagini che venivano diffuse a mia insaputa, ma in quel caso è stato impossibile». Dunque, scandalo inevitabile e sospensione dall’insegnamento. Fino a settembre, quando Anna è tornata in servizio nella sua provincia, Pordenone.

IN TV – Ma non è tutto. Madameweb, adesso, sbarca anche in tv. Con un documentario («Sesso, scuola e videotape») che sarà trasmesso venerdì 31 ottobre su Cult, per la serie “Erotika Italiana”. Anna e suo marito, davanti alle telecamere, raccontano la loro storia tra incontri “hot”, libertà individuali e scandali pubblici. «Una donna deve avere la possibilità di vivere la propria sessualità come più le piace, senza per questo rischiare il posto di lavoro» rivendica la prof. Che tra l’altro, come precisa lei stessa, insegna agli adulti e non ai ragazzini. «Ma se lavorassi in una scuola media non cambierebbe nulla». E cioè? «Ho capito che il mio caso può essere d’esempio contro tutte le discriminazioni sessuali». Addirittura. «Certo, è per questo che conduco la mia battaglia. Perché non c’è nulla di male a trasgredire con la complicità del proprio marito. In Italia insegnanti condannati per pedopornografia o che si fanno palpare dagli alunni sono tornati a insegnare prima di me. Io invece certe cose le faccio solo nel privato. A scuola, sono sempre stata impeccabile». Una doppia vita, insomma. «No, nessuna doppia vita. La mia vita è una e basta». E chi è allora Madameweb? «Una donna normalissima che non si vergogna del proprio corpo e che vuole divertirsi, senza falsi pudori o ipocrisie. Madameweb è gioia di vita e libertà».

Video: guarda un’anteprima del documentario che andrà in onda su Cult

COMPLICITA’ – Come l’hanno presa i tuoi colleghi, dopo il pandemonio dei mesi scorsi? «Da loro ho ricevuto molta solidarietà. Così come l’ho ricevuta da alcuni preti con i quali ho parlato. E sono moltissime le donne che mi hanno scritto dicendo che avevo fatto ciò che loro non avevano il coraggio di fare. La mia storia non è diversa da tante altre, l’unica differenza è che io ci metto la faccia». E quelli che ti criticano, additandoti come un pessimo esempio di moglie e di insegnante? «È giusto che ognuno abbia il proprio parere. Ma chi è che mi giudica? Donne e uomini che magari, in segreto, tradiscono il loro partner? Peccare e trasgredire con il proprio marito non è certo peggio che mettergli le corna. Io non ho mai fatto del male a nessuno. Al massimo, ho fatto del bene».

GLI INCONTRI – Ma la vita “segreta” di Madameweb continua ancora, oppure dopo questa bufera hai deciso di lasciar perdere? «Innanzitutto ci tengo a precisare che queste mie trasgressioni si possono contare sulle punte delle dita. Prima di tutto ci sono la famiglia e i figli, poi il mio lavoro e infine tutto il resto. Non è che di giorno vado a insegnare e poi la sera, o nel week end, organizzo i miei incontri. Non è una malattia, non è una cosa che cerco con perseveranza. Ammetto però di essermi divertita, anche perché ho conosciuto persone nuove. Insomma, il mio è anche un modo per socializzare».

SCUOLA E TV – Su Internet, nel frattempo, continui a mantenere i contatti con ammiratori e curiosi. «Sì, grazie a un forum e a un blog che è uno dei più visitati su Internet. Un modo per parlare della mia storia, ma anche di politica». A proposito: riforma Gelmini, cosa ne pensi? «Ci sono alcune cose su cui concordo, a scuola esistono troppi sprechi. Una cosa però voglio dirla: i ministri dell’Istruzione sono sempre medici, avvocati e professionisti che la scuola l’hanno frequentata solo da studenti. Il ministro, invece, dovrebbe essere uno che ha lavorato 30 anni nel settore. Solo così puoi avere un’idea di come funzionano le cose». E il tuo futuro professionale? Pensi solo all’insegnamento o se arrivasse qualche proposta dal mondo dello spettacolo saresti pronta ad accettarla? «Qualche offerta l’ho ricevuta. E se mi dessero l’opportunità di portare avanti il mio pensiero in tv, lo farei. Perché se devo mettere la mia faccia per combattere questa battaglia, lo faccio, così come ho fatto quel giorno a Berlino. L’ho detto e lo ripeto: io non mi vergogno».

Germano Antonucci
28 ottobre 2008

FONTE: CORRIEREDELLASERA.IT DEL 28/10/2008

 

 

10 commenti

  1. Ciao. Grazie per il link! Sei mitica.. se hai qualche cosa che voresti che faciamo vedere a nosti visitatori (sexy video, photo etc.) sarremo onorati di publicarlo (scuza per l’italiano, we’re not really got at speaking italian but al least we have tried.. :)) u go girl! :*

  2. ciao, sono alina e ho trovato il tuo blog grazie all’articolo del corriere. vorrei dirti che condivido in pieno le tue idee e quello che fai. è molto giusto propagandare una sessualità libera, nel rispetto dei minori e degli adolescenti. c’è molta ipocrisia in giro! sei molto coraggionsa. un saluto!

  3. Cara Anna,

    la tua storia è una di quelle poche cose in grado di farmi rivalutare l’Italia, paese che ormai è divenuto solo un’estensione dello Stato Pontificio. Un abbraccio!

  4. avessi avuto una insegnante cosi’ non avrei mai mancato un giorno a scuola!

  5. Che sono totalmente dalla tua parte lo sai già.
    Attenta domani sera a Prata, è la sera de l”TRICK or TREAT”! (tieni pronto qualche dolcetto)
    kisses

  6. Ti stimo molto per il tuo coraggio di essere libera e spontanea, e credo fermamente che se più persone vivessero la propria sessualità in modo così sano e sereno questo sarebbe un mondo migliore.Io mi prodigo per la tua stessa causa.🙂
    So*

  7. già… una cosi’ e chi se la scorda la lezione??!?!?!😉

  8. Cara Anna,
    tu dici che non ti vergogni. Sei pronta a metterci la faccia oppure tutto il tuo corpo. La mancanza di vergogna te la dà la tua smania di esibizionismo !

  9. ma che si vergognino una banda di bigotti retrogradi dopo sono i primi che trovi a troie che si suicidino

  10. […] paese delle vittime dimenticate) di quello che oggi è conosciuto come bunga bunga. Cominciamo con Anna Ciriani, la "pornoprof" di Pordenone, sospesa dall'insegnamento nel 2007 per le sue attività […]


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...